Crea sito

Tabelle Millesimali

Criteri di formazione Tabelle millesimali

Molti di voi si chiedono quali siano i criteri per la formazione delle tabelle millesimali ed a quali norme il Tecnico redattore deve attenersi.

Premetto che in merito non esiste nessun obbligo di legge a cui un tecnico deve attenersi obbligatoriamente per la redazione o revisione delle tabelle millesimali, ma esistono solo delle Circolari Ministeriale n. 12480 del 26/3/1966 (che aggiorna e sostituisce la precedente n. 9400 del 1/7/1926) e n. 2945/1993, tali circolari sono delle Linee guida a cui il tecnico può far riferimento in todo o in parte, rimane sempre a discrezione del tecnico il criterio di calcolo. Volendo usare una provocazione, nessuno vieta di utilizzare le semplici superfici o i valori catastali.

i criteri di valutazione possono tenere conto del metodo di calcolo a superficie od a volume (che ben pochi conoscono), quest’ultimo aspetto da prendere in considerazione quando ci sono evidenti differenze di altezza tra i piani, come sottotetti talmente elevati da realizzarvi soppalchi.
Nel corso degli anni, i testi si sono moltiplicati sulla base di esperienze e studi in materia, di fatto lo studio ha preso in riferimento gli autorevoli scritti di Vincenzo Gasparelli, dove i coefficienti oltre che in detrazione alle superfici, diventano anche in aumento nel caso in cui certe condizioni diventino un vantaggio per l’unità immobiliare. questo sta a significare che esistono valori oggettivi e valori soggettivi che determinano la valutazione delle tabelle millesimali.

I VALORI OGGETTIVI  sono quelli dimensionali quali superficie, volume, altezza piano, superficie radiante, orientamento rispetto al Nord.

VALORI SOGGETTIVI sono i coefficienti di moltiplicazione valutativi quali: esposizione, di piano, di luminosità degli ambienti, orientamento, di destinazione, funzionalità degli ambienti, di prospetto ed altri che in base allo stato dei luoghi il tecnico può decidere di aggiungere. Tali coefficienti valutativi sono scelti dal tecnico formando delle scale valutative che vanno da “0,1 a 1,00” ed a volte anche oltre “1.00” questo quando si valuta un vantaggio migliorativo per qualche unità rispetto alle altre.

Tali osservazioni fatte sui criteri adottati per la compilazione delle tabelle millesimali portano tutte alla qualità professionale ed esperienza che il tecnico ha nel valutare l’unità immobiliare rispetto all’intero complesso condominiale in modo da non creare discrepanze valutative tra il valore di mercato che ha un immobile rispetto al valore millesimale dello stesso rispetto ad un altra unità immobiliare che si trova nello stesso stabile, per esempio una bottega a piano terra di uguale superficie ed esposizione, rispetto ad un appartamento al primo piano ha un maggiore valore di mercato rispetto all’appartamento e di conseguenza avrà anche un maggiore valore millesimale rispetto all’appartamento. La fase estimativa vera e propria sta nell’accertare, con riferimento al mercato, i parametri di correzione.

La professionalità del tecnico corrisponde al fatto di saper millesimare questa differenza di valore rispetto all’intero edificio, tenendo presente che dovrà applicare gli stessi metri valutativi per tutti gli immobili che si trovano nel condominio nelle medesime condizioni soggettive ed oggettive in modo da avere sempre un equità di giudizio rispetto sempre hai metri valutativi scelti da lui, siano che traggono ispirazione dalle Circolari Ministeriali, sia che traggono ispirazione dalla propria esperienza professionale o di altri tecnici che hanno in merito approfondito la materia.

tabelle-millesimali-condominio

Cosa prevede il servizio

Redazione Tabelle Millesimali con sopralluoghi rilievi metrici e fotografici di tutte le unità immobiliari di proprietà, rilievi spazi esterni, superfici finestrate, ricerche catastali delle planimetrie. servizio rivolto su tutto il territorio nazionale, i sopralluoghi sono garantiti dai nostri tecnici affiliati su tutto il territorio nazionale. Per questo servizio è richiesto l’invio a cura dell’Amministratore di Condominio o del costruttore di tutti i dati relativi agli immobili sia catastali che progettuali.

Costo Servizio

50 € per ogni unità immobiliare per la redazione della Tabella Generale di proprietà;

25 € per ogni unità immobiliare per la redazione delle tabelle millesimali di servizio (Scale, Garage, Tetti, Ascensori, Espurgo, ecc)

I prezzi possono variare in base al tipo di complesso condominiale ed al numero delle unità quindi ebbene richiedere un preventivo da presentare all’assemblea condominiale, per info non esitateci a contattare usando il modulo qui sotto o usando i numeri nella pagina contatti